18L' ITINERARIO DEGLI AFRODISIACI

HR: Trenutno radimo na nadogradnji sustava online kartografije zbog čega su mogući problemi u prikazu. GPX zapis staze možete direktno skinuti u donjem desnom kutu stranice („GPS“ simbol). Ispričavamo se na mogućim komplikacijama.

EN: Currently we are upgrading our online-cartography system due to which there are possible issues with displaying it („Gateway timeout“ or similar messages). GPX file you can still download on this same page, in the bootom-right corner („GPS“ simbol). Sorry for any inconvinience.



Dalle Terme Istriane, iniziamo una lunga salita di 4,5 km costeggiando la vecchia cava fino a raggiungere il villaggio di Snidarici. Qui svoltiamo a sinistra attraversando Poli, Medizzi, Visintini e Laganisi fino all’arrivo a Santa Lucia, dove inizieremo la discesa in direzione di Gradigne. A Gradigne svolteremo a destra continuando il percorso sulla strada principale in direzione di Levade e, dopo alcuni chilometri, giriamo a destra in direzione di Ipsi, dove inizia la salita in direzione di Santa Elena, quindi scendiamo verso Levade.
Dopo 1km svoltiamo a destra in direzione di Craici e scendiamo attra-versando Balini e Perelici da dove arriviamo a Levade. Da Levade, svoltando a destra, perseguiamo il percorso in direzione di Montona. Attraversato il ponte sul fiume Quieto, svoltiamo subito a sinistra fino ad arrivare alle sorgenti termali istriane.

Da vedere Il sentiero attraversa e costeggia le colline a sud e ad est di Portole, da cui si può godere di una vista mozzafiato sulla valle del fiume Quieto, nonché sulla pittoresca cittadina medievale di Montona e le sue colline circostanti. Questo è la famosa zona del tartufo, il prezioso tubero dalla reputazione afrodisiaca che molti ristoranti e taverne offrono come specialità gastronomica tradizionale. Non esitate a fermarsi per il pranzo e assaggiare un piatto di pasta fatta in casa al tartufo perché non farà che arricchire la vostra avventura ciclistica.
Lungo l’itinerario, una particolare attenzione viene data al villaggio di Levade, indicato come il centro mondiale del tartufo. Ogni mese di ottobre si svolge qui un festival dedicato a questo “re delle tavola”, in cui viene offerto soprattutto il più pregiato tra i tartufi, quello bianco. Nonostante lo si possa trovare anche in altre zone d’Europa, si dice che il tartufo bianco istriano del bosco di Montona abbia qualcosa di speciale, un potere con il quale ha già stregato numerosi buongustai di tutto il mondo!
Non perdete inoltre l’occasione di ammirare la riproduzione esatta del tartufo dalle dimensioni record, esposta in un piccolo negozio con prodotti tradizionali a base di tartufo. Con i suoi 1,3 kg è stato proprio trovato a Levade, entrando così nel libro dei Guinness dei Primati come il tartufo più grande del mondo. Questo record ha ulteriormente confermato l’importanza e la reputazione di Levade come noto luogo di ritrovamento di questo tubero.
Le Terme Istriane, dove il percorso inizia e termina, sono sinonimo di pace e relax. Sopra queste acque termali si innalza il Gorostas, una splendida roccia dell’altezza di 85 metri da cui sgorga l’acqua termale e sulla cui cima si trova la chiesa di Santo Stefano, da cui le terme hanno preso il nome. Il lungo percorso lungo il fiume Quieto, che si percorre ritornando alle Terme Istriane, è indubbiamente un’esperienza speciale, non solo per i ciclisti, ma per tutti gli amanti di una vacanza attiva, all’insegna dell’avventura.

Luoghi da visitare

Alloggio - Bike & Bed

Alloggio - Bike hotels

Negozi

Assistenza

Trasporto

Nota: La mappa e i percorsi sono a carattere informativo e vengono utilizzati a proprio rischio.